La posta della "Bigia"

Gentile Samaritani,

I miei complimenti per il sito nieviano che mi sembra utile come documentazione e come spunto. Mi permetto di suggerire un’ipotesi di collegamento con i vari centri nieviani sparsi per l’Italia. Grazie anche per la recensione agli Scritti giornalistici. Qui permettimi di dissentire anche dubitativamente sull’attribuzione a Norsa degli articoli firmati "N." e su I furti campestri e ciò per due ordini di motivi. 1 Occorrerebbe fare un’analisi stilistica della prosa dei due possibili autori (Nievo e Norsa). Apparentemente ne I furti campestri l’articolazione trimembre dell’aggettivazione, l’uso della personificazione degli attributi tipici di Nievo sembrano presenti. 2 Sulla "Gazzetta di Mantova" compaiono più articoli firmati "N." e ciò farebbe certo pensare a Norsa, ma due di questi articoli parlano rispettivamente del pittore Razzetti (di cui Nievo riparlerà nella Cronaca di Mantova per il "Caffè") e di una rappresentazione tenuta in casa Boldrini (conoscente di Nievo). Entrambi gli argomenti non sono dirimenti ma certo introducono qualche prova a favore. Ripeto qualche prova e mi farebbe piacere discuterne. Come testimonianza di gradimento del sito ti invio una spigolatura calviniana (una delle tante) su Nievo: Italo Calvino, I libri degli altri, Einaudi, 1991, p. 228. "A Luigi Santucci, Milano, 28 giugno 1957. Caro Santucci, sono molto contento del tuo apprezzamento sul Barone, proprio perché mi viene da uno scrittore cui mi considero legato da un’affinità di scelta stilistica e di gusto, al di là di tutte le divergenze di "contenuto".[…] In particolare mi rallegra sentire che ti sono piaciuti gli amori con Viola. (E il tuo riferimento alla Pisana è giustissimo: e non è il solo richiamo nieviano del libro; Le Confessioni sono uno dei miei libri preferiti, e scopro sempre che fruttificano nelle mie pagine senza che me ne accorga)".

Ugo M. Olivieri

Grazie per la citazione di Calvino, uno dei miei scrittori preferiti. Sono le scuole, i "centri sparsi in Italia" con cui desidero collegarmi. Vorrei anche raggiungere i "centri sparsi all’estero", cioè le cattedre di Lingua e Letteratura Italiana all’estero. Ogni anno quasi mezzo milione di studenti affronta l’Esame di Stato: per ciò la rivista è uscita a ritmo serrato. Gli studenti universitari potranno attingervi argomenti di riflessione e gli alunni delle Medie vi troveranno utili informazioni. I "centri nieviani" ai quali accenni hanno un loro sito, nato prima del mio. Riassumo, per chi ci legge, il problema che poni: su "La Lucciola" e su "La Gazzetta di Mantova" apparvero alcuni articoli a firma "N.". Di questi, tu hai ripubblicato "I furti campestri" e io i due articoli in cui si parla del Razzetti e della rappresentazione in casa Boldrini. Gli altri non sono stati ripubblicati. Sono tutti (o in parte) di Nievo, oppure no? Tu sei per il si, anche se ti restano dubbi. Io dico invece che Nievo non è l’autore di nessuno di questi articoli e, per prima, ho suggerito il nome d’Isacco Angelo Norsa. Non mi sottraggo al dibattito, ma come? Tu da Napoli e io da una "scuderia" elettronica? Mi auguro che l’argomento appassioni uno studioso mantovano che voglia identificare tutti gli articoli firmati "N." e apparsi nei due giornali mantovani e fare una ricerca all’Archivio di Stato di Mantova su Isacco Angelo Norsa che, dopo il 1866, è stato Consigliere del Comune di Mantova. Con questa nuova documentazione potremo discutere, ma in luogo diverso da Internet dove lo spazio è tiranno.

Bigia

Messaggio per chi mi scrive:

Sono dolente, ma per ragioni di tempo non posso rispondere privatamente alle richieste di suggerimenti bibliografici

Scrivi a Fausta Samaritani, 375, Via della Camilluccia, I_00135 Roma (Italia)

Ippolito Nievo online